Francesco

Infinitamente piccolo... Infinitamente grande

02

Aprile
Produzioni TL
Teatro ragazzi
La vita di San Francesco d’Assisi è sorprendentemente attuale. Nato nel Medioevo, ha fatto scelte legate all’essenza dell’uomo, alla grande domanda che attraversa la vita di ognuno: essere o avere? La sua risposta la conosciamo bene, essere, sempre e soprattutto essere, contro l’avere. Attraverso i secoli non siamo cambiati molto…a discapito di valori essenziali come la comunione fraterna, la generosità, la capacità di vedere e aiutare la sofferenza dell’altro. Nei bambini le risposte sono semplici e dirette: ciò che mi viene insegnato dev’essere giusto…e la nostra società insegna ancora (dopo ottocento anni!!) che è più importante avere delle cose che avere sé stessi. A seguito di queste riflessioni nasce questo spettacolo pensato per i bambini, il racconto di questa vita esemplare. Per il bambino assistere ad uno spettacolo è un momento forte, in cui le emozioni tengono viva l’attenzione e ciò che viene narrato resta nella memoria: crediamo che i valori che San Francesco ha vissuto siano eterni e vadano ricordati.
La trama è presto detta: Francesco nasce ad Assisi, vive i primi vent’anni nella spensieratezza e poi, dopo aver incontrato la guerra e la malattia, comincia ad avvertire un vuoto. La sua risposta sarà la rinuncia alla ricchezza ed il suo instancabile andare per il mondo parlando a tutti della gioia che Dio ha ispirato al suo cuore e dell’amore per ogni creatura. Nello spettacolo si utilizza soprattutto la tecnica della narrazione: un personaggio racconta la vita si San Francesco utilizzando vari oggetti, che si dispiegano su un grande tavolo creando un percorso dalla casa natìa fino alle pietre, agli alberi, agli agnelli…accanto al tavolo c’è un grande albero con un nido, a testimoniare il suo amore per tutte le creature: la narrazione si alterna fra il tavolo e l’albero, che diviene punto focale della poesia di Francesco in contrapposizione alla grettezza del padre, simbolo di una società borghese intenta solo ad accumulare ricchezza. Il momento centrale dello spettacolo è la riscrittura del “Cantico di Frate Sole”, reso semplice per occhi e orecchie di bambino: grandi ombrelli dipinti danzano ed ognuno di loro rappresenta gli elementi del cantico: il sole, la luna, le stelle, l’acqua, il fuoco, aria e la terra. C’è poi un momento tutto dedicato a Santa Chiara ed uno per il lupo di Gubbio. Si utilizzano anche la tecnica delle ombre, il canto, la musica. Lo spettacolo , ricco di sorprese, ha una durata di 45 minuti e trasporta i bimbi in uno spazio che fa riflettere ma anche sorridere ed emozionare…

Non ci sono ancora recensioni per questo spettacolo

Video