Rebelot

La magia della differenza

24

Aprile
Produzioni TL
Teatro ragazzi
Gli stili di vita della nostra contemporaneità sono sempre più complessi, la tecnologia accompagna il nostro quotidiano e, fin da bambini, siamo sommersi da oggetti.  Il problema (opportunità!) dei rifiuti e del riciclo è complesso e necessita di azioni articolate e di soluzioni integrate che spettano sia agli enti preposti che alla collettività cioè alla responsabilità dei singoli cittadini. E’ importante adottare un comportamento che sia una buona pratica per azioni ecologicamente sostenibili al fine di ridurre inquinamento e spreco dei rifiuti. Il tema dell’ambiente comprende molte problematiche che sono tra loro connesse: Cambiamenti climatici, aria, Consumi Energetici, eco sostenibilità, uso delle acque, risorse del territorio, rifiuti ecc… Lo spettacolo Rebelot è rivolto alle scuole Primarie, la tematica principale è la buona pratica della racconta differenziata andando a toccare le motivazioni che devono indurci a comportamenti adeguati. Lo spettacolo non è solo e strettamente “didatttico”, ma ha in sé un contenuto poetico/fantastico che fa da “cornice” e da plot alla messa in scena. Si tratta di uno spettacolo a doppia vocazione: si può effettuare sia in Teatro che in spazi alternativi (direttamente negli edifici scolastici, auditoriun, all’aperto). Una fiaba urbana, per personaggi e scarti di civiltà. ˚Un viaggio poetico che parla al nostro cuore. ˚Un percorso creativo e formativo nel mondo della Raccolta Differenziata e non solo. ˚L’incontro umano fra persone Diverse per costruire un Mondo Migliore.

Soggetto

Due simpatici nullatenenti, il Ruffo e la Cisa, che vivono abitualmente all’aperto, si incontrano/scontrano lungo la Via, inseguiti da uno strano brontolio temporalesco che minaccia la città. Quando vengono travolti da una Montagna di rifiuti che cascano da una nuvola ecco che il loro mondo cambia. Differenziando e riciclando i rifiuti con creatività e inventiva, trasformano poeticamente la loro vita insieme, come per magia.

Differenze e uguaglianze tra i protagonisti

La Cisa: Geometrica, precisa, ordinata, ma un po’ rigida e sospettosa. Capace di appassionarsi. Fiduciosa nel futuro. Con un occhio di riguardo sul mondo. Ispirata dal senso del bello. RISPETTARE L’AMBIENTE E TENERLO PULITO Il Ruffo: Armonico, pasticcione, confusionario, arruffone, ma creativo. Capace di inventare nuovi mondi. Colmo di speranza. Con un occhio di sorpresa sul mondo. Ispirato dal senso del bello. RISPETTARE L’AMBIENTE E RI-CREARLO

Il percorso dello spettacolo

Rifiuti che “precipitano” sulla città - Il Ruffo e La Cisa si presentano - Il Ruffo e La Cisa si incontrano e si scontrano - Il Ruffo e La Cisa fanno conoscenza - Travolti dagli scarti di civiltà - Il Ruffo e la Cisa si confrontano - Aprire gli occhi: Strumenti per la raccolta differenziata - Diventare amici - Il Ruffo e la Cisa “fanno” la differenza - Costruire INSIEME un mondo migliore. Ecco le parole che pronuncerebbero il Ruffo e la Cisa, se potessero parlare: “Noi siamo stati ispirati dal sentimento per ciò che è bello e per il sublime. Quando questo sentimento ci ha toccati non abbiamo potuto fare a meno di partecipare alla vita, con tutti noi stessi e cambiare il nostro punto di vista sul mondo. Anche tu, come noi puoi decidere di abbandonare la via dell’indifferenza per provare a incontrare l’Altro diverso da te. Allora scoprirai che la differenza è la parte che ti manca. Così si può solo essere Unici e Uniti… nella differenza”.         Firmato (se potessero firmare): Il Ruffo e la Cisa

Un passo poetico a due in un mare di rifiuti, una "fiaba urbana". Differenziando e riciclando i rifiuti con creatività, il Ruffo e la Cisa trasformano poeticamente la loro vita insieme

Video